Musica

Playlist #3 / Home party


Per gli altri articoli di Alessandro

Per questo mese ero partito con l’idea di proporre una selezione musicale che, sbocciando assieme alla Primavera, restituisse all’ascoltatore un’atmosfera da festival; che gli permettesse, cioè, di immaginare un parco verdeggiante, un palco spumeggiante (di luci), e una folla di “presi-bene” con la birra in mano e il baffetto da hipster.

Eppure, gli accadimenti recenti e noti a tutti ci costringono tra le mura di casa, a guardare solo attraverso i vetri delle finestre il sole che si impone sempre di più sul nostro emisfero. Allora, ho deciso di sostituire ai 130 battiti al minuto col kick in 4/4 sensazioni più docili, più mansuete e sognanti, che invitino sì il corpo a muoversi, ma con più leggerezza: ognuno da solo in camera sua, con le cuffie al massimo, gli occhi chiusi e il bacino sinuoso.

Gran parte della playlist è costituita da classici della musica elettronica degli ultimi venti anni, tra pionieri di genere e fervidi innovatori. La sincera speranza è semplicemente quella di regalare all’ascoltatore un’oretta di puro relax.

Buon ascolto!

Tracklist:

1. Hommage – DAVID AUGUST, Wanja
2. Paper Trails – DARKSIDE
3. Believe – Nocturnal Sunshine, Chelou
4. Strangers – Portishead
5. Babel – Massive Attack
6. Dark Sunrise – Om Unit, Tamara Blessa
7. Rodent – Burial
8. Kill Bill, Vol. 4 – Modeselektor
9. Windowlicker – Aphex Twin
10. Found Out – Caribou


Alessandro Lucia è nato il 21 novembre 1995 a Pescara. Diplomato al Liceo Classico di Pescara, nel 2017 consegue la laurea in Lettere Moderne all’Università di Bologna, dove prosegue gli studi, ottenendo la specializzazione in Italianistica nel novembre del 2020. Ama – non potrebbe essere altrimenti – la letteratura ed anche la musica, che studia fin dall’infanzia e che lo trascina dalla tastiera di un pianoforte classico alle drum machines, ma non disdegna affatto interessi più “profani”, come il calcio e i videogames. Nel suo nebbioso futuro da umanista intravede ulteriori studi, polverosi archivi e dotte biblioteche.


Photo by Yash Garg on Unsplash