Storia illustrata

L’infanzia della consapevolezza (parte V)


Per gli altri articoli di Nico

Legenda:


Testo illustrazione pag. XXIV:

E incolpato, alla deriva di me stesso per delitti che non avrei potuto commettere, reo di un peso che nessun uomo solo può farsi carico;
aggiustavo la mia schiena contro il soffitto di questa responsabilità per tollerarla meglio curvo, sottosforzo, sottomesso a questa condizione, forse, del tutto arbitraria, diventato a colpi di circostanza ingenuo o adulatore e sempre più impressionato da questa verità ormai adulta, fui mendicante di quelle comprensioni che io per primo ho negato a me stesso.

Testo illustrazione pag. XXV:

E nel patteggiare per una guerra che non avrei potuto sostenere, avevo soltanto due braccia utili alla sopportazione e due occhi per cercare, ciò che si trova elemosinando, quando un alito freddo costringe ad affollare una solitudine, oppure per assoluta connivenza, a raccogliere quello che della loro poesia, gli altri, hanno lasciato cadere sul pavimento…

Testo illustrazione pag. XXVII:

Ecco questo è stato il momento in cui più vi ho somigliato, in cui mi son sentito parte di una specie: nel dare una cornice al desiderio, così come perdurano, così come si potrebbero condannare i contorni di una figura disegnata su un foglio d’acqua… Ma…


Nico Commito è nato a Popoli (PE) il 26/07/95. È vissuto a Vittorito (AQ) fino al 2014. Attualmente studia Lettere (Curriculum Europeo) presso la facoltà di Bologna. Durante lo scorso anno ha partecipato ad esposizioni (collettive e personali) a Ravenna, Milano, Bologna, Genova, Pisa e Pratola Peligna (AQ).